Emanuele Casamassima, la gestione del "dopo alluvione" e il rinnovamento delle biblioteche italiane


Abstract


L'articolo commenta la gestione Casamassima della Biblioteca nazionale centrale di Firenze dopo il 4 novembre 1966. La sua azione si è dimostrata particolarmente importante subito dopo l'emergenza, con il piano di rinnovamento che comprendeva, oltre all'indispensabile restauro dei volumi e dell'edificio danneggiato dall'alluvione, molti altri aspetti della biblioteca. Per ognuno di essi Casamassima aveva prospettato due linee di azione inerenti la risistemazione e la ristrutturazione, con risultati che sarebbero potuti essere innovativi per tutte le biblioteche italiane.
Pochi progetti vennero realmente avviati, soprattutto per la cooperazione internazionale e alcuni interventi di Comitati di solidarietà. Nel 1967 Casamassima invocò invano una "legge speciale" per la biblioteca che facesse fronte alle necessità finanziarie, tecniche e di personale per una programmazione a lungo termine. I numerosi ostacoli al suo piano e alcuni eventi particolari provocarono le dimissioni di Casamassima da direttore della biblioteca, che abbandonò la carriera di bibliotecario il 1° settembre 1970.

Full Text

PDF


NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aaib-4663




Creative Commons License
Questa rivista è pubblicata sotto la Licenza Creative Commons “Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate” .