La biblioteca digitale: definizioni, ingredienti e problematiche


Abstract


Il concetto di biblioteca digitale non va confuso con quelli, correlati ma distinti, di biblioteca virtuale e di biblioteca ibrida. La biblioteca digitale costituisce, piuttosto, il caso limite della biblioteca ibrida in cui documenti analogici e servizi manuali siano ridotti a zero. Fra i documenti della biblioteca digitale occorre distinguere fra la collezione digitale primaria, costituita da documenti che sono stati pubblicati originariamente in formato elettronico e la collezione digitale secondaria, costituita dalle digitalizzazioni di originali analogici effettuate successivamente.
Gli ingredienti di ogni biblioteca digitale sono da una parte le sue raccolte documentarie e dall'altra i servizi che essa rende ai propri utenti. Fra le principali tipologie di documenti si ricordano gli e-journal, gli e-book, gli open archive, le banche dati e gli opac. Di ciascuna tipologia si forniscono le principali caratteristiche e si illustrano le problematiche attualmente sul campo. In particolare, relativamente agli opac, si affronta la questione di come inserirvi la descrizione delle RER (risorse elettroniche remote) e delle REL (risorse elettroniche locali) possedute o selezionate dalla biblioteca. Allo stesso modo vengono trattati i principali servizi della biblioteca digitale: virtual reference service, print on demand, document delivery, acquisizioni, prestito, segnaletica, marketing, electronic reserve, data mining, individuazione di plagi, disseminazione selettiva delle informazioni e dei documenti, misurazione dell'uso della collezione, aggregazione degli utenti.
Fra le questioni aperte connesse alle biblioteche digitali vengono individuate come particolarmente cruciali e quindi approfondite quelle relative all'accesso, alla conservazione e preservazione, alla standardizzazione, all'interoperabilità, alla cooperazione, alla valutazione, alle interfacce e alle modalità di ricerca, al copyright, alla privacy e ai metadati, sia descrittivi e semantici che amministrativi e gestionali.
L'esplosione quantitativa e qualitativa delle fonti informative digitali rende indispensabile potenziare gli strumenti, concettuali e tecnologici, necessari per amalgamare e utilizzare al meglio i numerosi ingredienti della biblioteca digitale. Fra tali strumenti sono particolarmente degni di nota il "web semantico" e i software per il "reference linking". Ma una integrazione ancora maggiore potrebbe scaturire da una più razionale divisione dei compiti fra open archive, e-journal, banche dati bibliografiche e biblioteche digitali, proposta dall'autore come un possibile scenario per il futuro.
Conclude l'articolo una ricca bibliografia (300 item in italiano e in inglese, metà dei quali disponibili gratuitamente via web) concentrata soprattutto sugli anni dal 1999 al 2004 e parzialmente commentata.


*******************************************************************************

Per scelta esplicita del suo autore, a questo articolo non si applica la Dichiarazione di copyright AIB-WEB disponibile a <http://www.aib.it/su-questo-sito/dichiarazione-di-copyright-aib-web/>, nè la Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate utilizzata per la digitalizzazione del Bollettino AIB (cfr. <http://bollettino.aib.it/>).

Tutti i diritti sul testo e sulle eventuali immagini contenuti nell'articolo sono riservati all'autore (Riccardo Ridi) e all'editore (Associazione italiana biblioteche). È vietato ogni genere di duplicazione su altri siti, così come ogni genere di distribuzione integrale tramite sistemi di comunicazione digitale on-line e ogni utilizzo commerciale, a meno di specifici  accordi. Sono consentite la riproduzione e la circolazione in formato cartaceo o su supporto elettronico portatile (off-line) ad esclusivo uso  scientifico, didattico o documentario, purchè l'articolo non venga alterato in alcun modo sostanziale, ed in particolare mantenga le corrette indicazioni di data, paternità e sede editoriale originale.


Full Text

PDF


NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aaib-5020




Creative Commons License
Questa rivista è pubblicata sotto la Licenza Creative Commons “Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate” .