Verso un codice internazionale di catalogazione: dieci domande a Barbara Tillett


Abstract


Barbara Tillett discute con Mauro Guerrini del processo di ricognizione delle pratiche catalografiche di tutto il mondo, avviato a Francoforte nel luglio 2003, con il First IFLA Meeting of Experts on an International Cataloguing Code - IME ICC1. L'intervista si concentra su questo processo e sull'analisi parallela del processo di revisione delle AACR2 da parte del Joint Steering Committee (JSC) of the AACR, che nel 2007 dovrebbe portare alla stesura di una nuova edizione del codice.
Mauro Guerrini, prendendo le mosse dal problema del confronto tra le tradizionali pratiche di catalogazione e i nuovi metodi di codifica e recupero dell'informazione in ambiente digitale (metadati, motori di ricerca ecc.), chiede un resoconto sul secondo incontro tenutosi a Buenos Aires, e sullo stato dell'arte dei lavori previsti dal piano quinquennale dell'IME ICC, ponendo l'accento sulle principali sfide e i problemi fondamentali della redazione di un codice internazionale di catalogazione, nel contesto di un mondo dell'informazione in rapida evoluzione.
Un'altra serie di domande riguarda il rapporto tra la revisione delle AACR2, che si stanno muovendo verso un nuovo codice e la cui pubblicazione è prevista per il 2007 e il processo dell'IME ICC. Un aspetto problematico è relativo a come conciliare principi e regole; l'altro è collegato alle modalità di cooperazione tra le persone che partecipano ad entrambi i processi.
La domanda conclusiva si concentra sul futuro assetto del/i codice/i, ovvero su ciò che sarà trattato a livello internazionale e ciò che sarà lasciato al livello nazionale; in particolare, su questo punto le differenze che esistono tra le pratiche e le teorie catalografiche nel mondo potrebbero incidere sul processo di internazionalizzazione.

Full Text

PDF


NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aaib-4986




Creative Commons License
Questa rivista è pubblicata sotto la Licenza Creative Commons “Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate” .