Tendenze evolutive degli opac italiani visti attraverso il MAI


Abstract


Il presente articolo rielabora e commenta il resoconto dell'attività 2005 della sezione Opac italiani-Mai di Aib-web e presenta i dati aggiornati in merito agli opac presenti in database, suddivisi per categorie e per regione anche in riferimento agli opac connessi al metamotore Azalai e alle variazioni di crescita in relazione agli anni precedenti. Le statistiche del 2005 confermano la grande popolarità del Mai. Gli opac italiani continuano ad aumentare, estendendosi in modo sempre più capillare anche ai servizi bibliotecari locali, a quelli scolastici, a istituzioni private. Nato per rispondere a una situazione contingente di dispersione delle informazioni, il Mai si è trovato a crescere continuamente, configurandosi sempre più come uno strumento ricco e complesso, nel quale interagiscono aspetti bibliografici, tecnologici e di collaborazione a distanza
Il Metaopac Azalai Italiano attivo dal 1999, oltre che un servizio di ricerca bibliografica, sempre più largamente utilizzato come complemento ai principali cataloghi nazionali Sbn e Acnp, il Mai rappresenta anche uno specchio aggiornato della situazione delle centinaia di cataloghi delle biblioteche italiane disponibili in rete: il suo funzionamento, infatti, si fonda sulla base-dati in cui viene mantenuta costantemente aggiornata la descrizione dei tipi di biblioteche comprese, della loro localizzazione geografica, dei patrimoni catalogati e delle interfacce di interrogazione. La struttura della base-dati e il lavoro della redazione consentono di ottenere dati statistici significativi, che vengono computati e pubblicati su Aib-web con cadenza annuale. Si tratta dunque di una buona occasione per fare il punto sull'evoluzione tecnica di questo servizio e dei cataloghi italiani in genere.

Full Text

PDF


NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aaib-4899




Creative Commons License
Questa rivista è pubblicata sotto la Licenza Creative Commons “Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate” .