Glossario dei termini più spesso usati da antiquari, bibliotecari e collezionisti, a cura di Tiziano Rossi e Alberto Ungari.  Milano: Pecorini, 1999.  102 p.  ISBN 88-87508-01-1.  L. 18.000.

Nell'era della multimedialità e della disaffezione del grande pubblico dal libro viene pubblicato un volumetto agile e piacevole, indirizzato principalmente, ma non solo, al bibliofilo: si tratta di uno strumento da tenere a portata di mano, magari in tasca, di immediata consultazione quando si scorre un catalogo in una libreria antiquaria. Tuttavia è anche un testo nato per incuriosire e spingere il neofita verso ulteriori studi e approfondimenti.

Apparso prima come appendice al catalogo di Bibliografie del 1998, il Glossario Pecorini è uscito l'anno successivo in forma a s stante. Si tratta di uno strumento d'orientamento, senza pretese enciclopediche, nel quale sono stati introdotti specifici aggiornamenti curati da Tiziano Rossi e Alberto Ungari.

Il Glossario illustra in modo semplice e chiaro le definizioni e i termini maggiormente usati dagli antiquari, dai bibliotecari e dai collezionisti; descrive inoltre succintamente i mutamenti che nel corso dei secoli hanno riguardato il "libro" come oggetto. Nel Glossario si ritrovano anche alcune notizie biografiche che riguardano tipografi non particolarmente noti al grande pubblico; è proprio perciò che risultano apprezzabili gli aneddoti curiosi che infiocchettano il testo qua e là alleggerendone considerevolmente la lettura.

Particolare attenzione nella nuova edizione è stata posta alle voci che riguardano la paleografia, la legatoria, il restauro, le miniature, le tecniche di incisione e di stampa, la bibliologia e la storia del libro. Interessanti sono le descrizioni delle voci "carta", "esemplare", "scrittura", "carattere tipografico" o "pelle" per le quali vengono indicati sommariamente i mutamenti oltre a essere riportate in maniera divulgativa le peculiarità più rilevanti.

Conclude il volume una serie di tavole dedicate all'introduzione della stampa in Italia e in Europa a partire dal XV secolo, ai formati della carta (stabiliti nel 1921 dall'Associazione fabbricanti di carta per i fogli destinati alle pubblicazioni di atti ufficiali, carte da stampa e carta da scrivere), alle abbreviazioni e alle sigle più usate.

Senza pretese, ma utile al neofita, è il breve elenco di toponimi italiani ed europei in latino selezionati in base alla loro "non immediata" identificazione.

Lo stile utilizzato nel Glossario è essenziale, tuttavia è adeguato e costruttivo per una consultazione di tipo bibliologico e bibliografico.

Sara Guiati
Piombino (LI)